­
  • La NSL ai Campionati Svizzeri a squadre 2018 Uster

    La NSL ai Campionati Svizzeri a squadre 2018 Uster

  • 7b974b11248d9deba507a6f1a604ebe2

    7b974b11248d9deba507a6f1a604ebe2

  • verbano 2017

    verbano 2017

  • verbano 2017 4

    verbano 2017 4

  • verbano 2017 3

    verbano 2017 3

  • verbano 2017 2

    verbano 2017 2

  • Criterium 2017

    Criterium 2017

  • n8

    n8

  • n7

    n7

  • n5

    n5

  • n4

    n4

  • n3

    n3

  • n2

    n2

  • n0.5

    n0.5

Risultati Campionati Svizzeri Giovanili

RISULTATI COMPLETI

RISULTATI NSL

FOTO

                                                        COMMENTO LUCA

Cronaca semi-seria di un criterium

Campionato Svizzero Giovnile : Basilea 12 – 15 luglio

 

Questa breve storia ha inizio alla fine di agosto del 2011, quando i nostri atleti hanno intrapreso l'avventura che li ha condotti al grande evento. Lungo il tragitto parecchi sono stati i momenti difficili e le delusioni; il "chi me l'ha fatto fare" è spesso affiorato nella mente e sulle labbra,  ma la forza di volontà e la tenacia che contraddistinguono i leoni di Locarno hanno prevalso; e così, raggiungendo i limiti previsti per la partecipazione, i nostri nuotatori si sono guadagnati i biglietti per i Campionati Svizzeri Giovanili di Basilea.

I protagonisti di questa cronaca, in ordine assolutamente sparso e casuale, sono:

- Lorena (Lory-Lore): traduttrice ufficiale del gruppo nonchè mia insegnante personale. Grazie a lei ho imparato l'esatta pronuncia di tutte le fermate dell'autobus n° 36.

- Federica (Fede): la mediatrice, che ha sempre un pensiero positivo per tutti.

- Nadia (Nadia): avete presente le pubblicità del mulino bianco, con l'atmosfera ovattata, tutto candido e soffice, dove al mattino i personaggi sono sorridenti e rilassati ? Ecco quello è il suo regno!

- Gaia (Gaia): a volte sembra seriosa e pensierosa, ma quando abbassa la corazza ed il volto si illumina col sorriso , allora dimostra la sua vera natura.

- Anais (Is se vicina, IIIIIssssssss se lontana): capace di creare strane teorie evoluzionistiche della tecnica del nuoto.....solo Max riesce a confutarle! Ps: dato che dopo aver letto il proprio nome senza dieresi avrà fatto una smorfia, mi difendo dicendole che sul mio portatile, funzionante ancora col carbonfossile, non ci sono i due puntini da mettere sopra la i.

- Yannick (Yck): se oltre al polletto da mangiare ogni tanto pensasse anche alla ranocchia da nuotare non sarebbe male.....

- Noè (Noè): un'influenza maligna ha cercato di privargli il podio dei 100 delfino, ma lui tanto ha fatto che alla fine ha prevalso. E' noto nel mondo natatorio per il suo inconfondibile modo di tifare i compagni..Ps: in coppia Yck + Noè  sono conosciuti come i due nanetti.

- Sharon (Sharon): cocciuta e determinata sfrutta queste qualità per "aggredire" le avversarie in acqua. Non è un caso che durante le fasi di riscaldamento si notino nuotatori che, usciti dalla vasca, si ritrovino i corpo segnato da anonime unghiette.....

- Vittoria (Viky): il suo volto possiede un repertorio infinito di smorfie; le parole sono un optional: per capirla basta guardarla in faccia.

- Alessandra (Ale...e guai a voi se per errore la chiamate Alessandra): avete presente Taz, il diavoletto della Tasmania, che quando si muove crea un tornado che tutto distrugge.....Ecco questa è Ale. Quando c'è, a volte, vorresti che non ci fosse, ma quando non c'è ne senti subito la mancanza.

- Selina (Seli): il suo sorriso riesce sempre a smorzare ogni parola......soprattutto le sue.

- Elena (Ele): le sue giornate sono programmate al minuto: non provare a modificarle perchè da agnellino quale sembra potresti ritrovarti di fronte una tigrotta.

- Julie (Julie): è colei che durante questi 4 giorni ha potuto testare una delle famose "ramanzine" di Max: eppur funziona!

- Ilaria (Ila): quando le cose vanno male, quando tutto sembra nero, il suo sorriso e le sue parole positive  potrebbero  farti cambiare la prospettiva. Ma se è vero il detto che le "acque chete sono le più pericolose" allora non vorrei essere nei paraggi il giorno in cui si arrabbierà.

- Riccardo (Rik): dopo i primi massaggi, nella tendopoli degli atleti si è sparsa la voce della presenza di un massaggiatore dalle mani miracolose e così, giorno dopo giorno, la fila degli atleti con il numerino in mano era sempre più lunga......

- Massimo (Max): che dire, è il pianeta intorno a cui girano tanti piccoli satelliti..... come ogni pianeta dona grandi abbracci ma anche piccole scosse telluriche di risveglio: per garantirti l'una o l'altra cosa...... dipende tutto da te! Per quanto mi riguarda gli devo un GRANDE GRAZIE.

- Luca (Luchino): e poi ci sono io......ma questa è un'altra storia.

Mercoledì 11 luglio la partenza: con due bussini gremiti di merci ed atleti, la Nuoto Sport Locarno si è avviata alla conquista di Basel. La prima tappa, ovviamente, è stata la piscina, dove i nostri nuotatori hanno potuto assaggiare le acque del campo gara. Naturalmente l'allestimento della tendopoli ha avuto i propri momenti topici: Ale che traina il carretto carico di gazebo e di propri compagni (cosa si fà per risparmiare qualche passo.....) e la squadra che monta le tende e che dimostra di non aver letto il manuale delle giovani marmotte. Il passaggio successivo è stato il possesso delle camere: Seli e Lory hanno dato sfoggio del proprio tedesco e così nessuno è finito a dormire in cantina. Da questo punto in avanti i bussini sono rimasti in garage e tutta la truppa ha iniziato i vari spostamenti (albergo, ristorante, piscina) con il bus di linea n° 36. Naturalmente io mi sono eccessivamente fidato dello spirito cosmopolita dei ragazzi ed al primo rientro siamo riusciti a scendere due fermate dopo rispetto a quella prevista......per non farci riconoscere , e per non perdere il bus che andava in direzione opposta, simo riusciti a correre verso la fermata come un gregge starnazzante, attirando gli sguardi degli austeri abitanti di basilea.Al rientro Rik e Max ci aspettavano con uno sguardo da "lo sapevamo che sarebbe finita così".....

Giovedì 12 luglio, 1° Giorno di gare: alle 6.45 ci siamo ritrovati nella hall.....dai primi sguardi si capiva che la notte non è stata delle migliori. Le stanze avevano una temperatura interna che si aggirava sui 30 – 35 ° C.....e per fortuna avevamo a disposizione i piumini per coprirci durante  la notte!! Dopo aver fatto colazione e preso il bus, abbbbiamo effettuato il primo ingresso ufficiale in piscina: con le batterie della mattinata si dava il via alla manifestazione. La tensione, naturalmente, era palpabile ed alcuni atleti hanno pagato lo scotto dell'"appuntamento importante". Risultato dopo le prime batterie di qualificazione: Is ed Elena raggiungono la finale dei 200 misti, mentre Seli  si classifica settima  negli 800 stile. Dopo il pasto ristoratore (durante il quale è stata bandita qualsiasi pietanza non facente parte della "sana dieta dello sportivo") ed un "pisolo di conforto" sono così iniziate le  finali durante le quali Is ha conquistato la nostra prima medaglia d'oro della manifestazione. A conclusione della giornata, buona prova di squadra nella 4x100 mista (Sharon, Ila, Seli ed Ale).

Venerdì 13 luglio, 2° giorno di gare: il risveglio, questa volta, è stato cartterizzato dal campanaccio che i ragazzi hanno portato per il tifo: subito è stato testato da Ale lungo il tragitto, con immensa gioia degli astanti....Le batterie di qualificazione odierne hanno portato in finale Seli, Elena, Gaia e Fede nei 200 delfino, Yck nei 100 rana e Sharon nei 100 dorso. Durante il resto della giornata il sole ha sempre combattuto una strenua battaglia con le nubi, abbandonando definitivamente la partita verso sera, quando ormai Gaia aveva conquistato un meritato 2° posto nella finale dei 200 delfino.

Sabato 14 luglio, 3° giorno di gare: il sole ci sveglia e ritempra le stanche membra. Le prime batterie della giornata denotano alcune defaiances psicologiche: provvidenziale è l'intervento di Max che ha ridestato delle menti ancora dormienti. La mattinata è terminata in crescita, con l'acesso alle finali di Ila nei 200 rana, Is, Ele, Gaia e Noè nei 100 delfino. Alle 15.00, con l'approssimarsi delle finali, si è placato il forte vento mattutino e subito i nuotatori, come piccole lucertole, sono sbucati dalle loro tane e si sono stesi ovunque, per lasciarsi corroborare dai caldi raggi. Il deng-dong dei campanacci, oltre al beee-beee delle trombette, hanno accompagnato Gaia sul secondo gradino del podio, mentre Is e Noè sul terzo. Gran finale col botto della staffetta 4x200 stile libero, dove Ale, Seli, Sharon e Juli hanno fatto segnare ottime prestazioni personali.

Domenica 15 luglio, 4° e ultimo giorno di gare: ci siamo! E' così arrivato l'ultimo giorno: gioia e tristezza si alternano fin dalle prime luci del mattino. I nostri atleti presagiscono la fine di una stagione: dovrebbero essere felici per le tanto attese vacanze, ma qualche cosa li disturba. Sanno che dal giorno successivo, mancherà un piccolo tassello nell'organigramma quotidiano. Non sanno se esserne felici o dispiaciuti: è una continua alternanza  di sensazioni, non ci si riesce a decidere se essere lieti per ciò che inizia o tristi per ciò che finisce....e tra queste indecisioni, le batterie proseguono e con esse anche le finali: Sharon ed Ale le raggiungono nei 200 dorso, Gaia nei 100 stile, Is ed Ele nei 400 misti. Un solo podio saluterà la Nuoto Sport Locarno: il prestigioso primo posto di Is. Non poteva naturalmente mancare la staffetta finale: nei 4x100 stile hanno partecipato Ale, Seli, Fede e Julie.....Cara Seli io sto aspettando ancora che tu offra da bere!!!!!

Buone vacanze a tutti.....Luca.

 

­